Santuario

Le opere di misericordia

misericordia
misericordiosi come il Padre

locandina

Annunci
Santuario

Settimana di preghiera per l’Unità dei Cristiani

ecumenismo_s
Unità dei Cristiani

La Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani è un’iniziativa internazionale di preghiera ecumenica cristiana che si celebra ogni anno tra il 18 e il 25 gennaio. Di fatto è un ottavario, cioè dura otto giorni.
Da sempre le diverse confessioni hanno pregato per l’unità, ma separatamente. In particolare verso la fine del Settecento e nel corso dell’Ottocento si svilupparono diverse iniziative di preghiera con questa intenzione, specialmente in area protestante e anglicana. Inizialmente furono guardate con sospetto, se non proibite, dall’autorità cattolica .
Il primo Ottavario, in forma simile all’attuale, nacque su iniziativa di due ministri in relazione epistolare tra loro: l’inglese Spencer Jones, anglicano, e l’americano Paul James Francis Wattson, episcopaliano (anglicano americano). Nell’anno 1907, il rev. Jones suggerì l’istituzione, per il 29 giugno di ogni anno, di una giornata di preghiera per il ritorno degli anglicani, e di tutti gli altri cristiani, all’unità con la Sede Romana. L’anno seguente Wattson ampliò l’idea, proponendola in forma di un’ottava allo scopo di domandare a Dio “il ritorno di tutte le altre pecore all’ovile di Pietro, l’unico pastore” . È precisamente a questo anno (1908) che viene fatta risalire convenzionalmente la nascita ufficiale dell’attuale settimana.
Wattson decise di iniziare l’ottavario il giorno della festa della Confessione di Pietro (variante protestante della festa della Cattedra di San Pietro che in passato si festeggiava il 18 gennaio), e di concluderlo con la festa della Conversione di san Paolo. Da allora queste due date (18 e 25 gennaio) segnano l’inizio e la fine dell’Ottavario nell’emisfero settentrionale.
In ambito cattolico l’iniziativa fu esplicitamente approvata da diversi pontefici (Pio X, Benedetto XV) ma non come preghiera comune con gli altri cristiani: i cattolici erano invitati a pregare “per il ritorno a Roma dei dissidenti” , tanto che per un certo tempo Wattson, nel frattempo convertitosi al Cattolicesimo Romano, la chiamò “Chair of Unity Octave” per enfatizzare la relazione tra l’unità dei cristiani e il papato.
In ambito protestante, il movimento ecumenico Faith and Order (Fede e Costituzione) nel 1926 propose a sua volta un ottavario che iniziasse però la domenica di Pentecoste (tradizionalmente considerata la commemorazione della fondazione della chiesa di Cristo). Oggi questo periodo è adottato in molti paesi dell’emisfero meridionale, in cui gennaio è tempo di ferie.
Una profonda evoluzione dello spirito di questo ottavario è dovuta all’abate francese Paul-Irénée Couturier (1881-1953), che è considerato “il padre dell’ecumenismo spirituale” . A partire dal 1933 egli dedicò tutte le sue energie a rivitalizzare l’Ottavario, conferendogli uno spirito diverso da quello di padre Wattson. Inizialmente ne fece un triduo, per poi riportarlo nel 1934 alla durata e al periodo proposti da Wattson. Qualche anno più tardi il nome divenne “Settimana universale di preghiera per l’unità dei cristiani”..
A quei tempi in ambito cattolico lo spirito della preghiera era quello del ritorno dei fratelli separati nell’alveo della Chiesa di Roma. La principale innovazione di Couturier fu quella di orientarla invece alla richiesta di riconciliazione reciproca tra tutti i battezzati nella fede cristiana, per camminare verso l’unità “che Dio vorrà, con i mezzi che Egli vorrà” , nella convinzione che “non si prega per la conversione ad una chiesa, ma per una conversione a Cristo” .
Questo nuovo spirito consentì così ad altri cristiani con visioni diverse da quelle di Roma di unirsi alla preghiera e l’iniziativa fu accolta da più confessioni, tanto che nel 1941, il movimento Faith and Order cambiò la data della settimana protestante per farla coincidere con quella dei cattolici. Nel 1948, con la fondazione del Consiglio ecumenico delle Chiese, la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani si diffuse sempre più tra diverse chiese in tutto il mondo.

Santuario

OMELIA DEL SANTO PADRE FRANCESCO

Papa Francesco
                                                                              Papa Francesco

Mercoledì, 6 gennaio 2016
Quante stelle ci sono nel cielo! Eppure, i Magi ne hanno seguita una diversa, nuova, che per loro brillava molto di più. Avevano scrutato a lungo il grande libro del cielo per trovare una risposta ai loro interrogativi – avevano il cuore inquieto -, e finalmente la luce era apparsa. Quella stella li cambiò. Fece loro dimenticare gli interessi quotidiani, e si misero subito in cammino. Diedero ascolto ad una voce che nell’intimo li spingeva a seguire quella luce – è la voce dello Spirito Santo, che opera in tutte le persone -; ed essa li guidò finché trovarono il re dei Giudei in una povera casa di Betlemme.
Tutto questo è un insegnamento per noi. Oggi ci farà bene ripetere la domanda dei Magi: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti per adorarlo» (Mt 2,2). Siamo sollecitati, soprattutto in un periodo come il nostro, a porci in ricerca dei segni che Dio offre, sapendo che richiedono il nostro impegno per decifrarli e comprendere così la sua volontà.
Siamo interpellati ad andare a Betlemme per trovare il Bambino e sua Madre.

Seguiamo la luce che Dio ci offre – piccolina…; l’inno del breviario poeticamente ci dice che i Magi “lumen requirunt lumine”: quella piccola luce –, la luce che promana dal volto di Cristo, pieno di misericordia e di fedeltà. E, una volta giunti davanti a Lui, adoriamolo con tutto il cuore, e presentiamogli i nostri doni: la nostra libertà, la nostra intelligenza, il nostro amore.

La vera sapienza si nasconde nel volto di questo Bambino. E’ qui, nella semplicità di Betlemme, che trova sintesi la vita della Chiesa. E’ qui la sorgente di quella luce, che attrae a sé ogni persona nel mondo e orienta il cammino dei popoli sulla via della pace

Santuario

Anno Santo della Misericordia Pellegrinaggio a Roma

Citta' del Vaticano
 Roma – Citta’ del Vaticano

ANNO SANTO DELLA MISERICORDIA

P E L L E G R I N A G G I O  A  R O M A

IN TRENO

13 – 16 MARZO 2016

P R O G R A M M A

1° giorno 13 marzo 2016 MILANO – ROMA
Ore 07,30 Appuntamento sul Piazzale Santuario S. Rita e in pullman privato alla Stazione.
Ore 08.45 partenza con il treno ITALO, da Staz. FS DI ROGOREDO per Roma
Ore 12.05 arrivo a Roma. Staz. TERMINI Trasferimento all’albergo.
Ore 13.00 2a colazione in albergo e sistemazione nelle camere.
Ore 15.30 in pullman privato al SANTUARIO DELLA DIVINA MISERICORDIA.
Ore 17.00 SS. MESSA – Rientro in albergo, Cena e pernottamento

2° giorno 14 marzo 2016 ROMA
1a colazione in albergo.
Ore 08.45. SAN PIETRO PORTA SANTA
visita libera della BASILICA E DEL COLONNATO DEL BERNINI
2a colazione libera
Ore 14.30 Alla BASILICA DI SAN GIOVANNI IN LATERANO
Ore 15.00 possibilità di accedere alla S. CONFESSIONE,
e visita libera della CATTEDRALE DI ROMA.
Ore 17.00 si varcherà la PORTA SANTA
Ore 17.30 SS. MESSA IN BASILICA.
Al termine rientro in albergo. Cena e pernottamento,

3° giorno 15 marzo 2016 ROMA
1a colazione in albergo.
Ore 09.00 Trasferimento BASILICA PAPALE DI S. MARIA MAGGIORE.
Ore 10.00 S. MESSA IN BASILICA. Tempo libero per la visita della Basilica e altro

Ore 13.00 2a colazione in albergo
Ore 15.00 Trasferimento alla BASILICA DI SAN PAOLO FUORI LE MURA
Ore 16.30 PORTA SANTA, S. MESSA IN BASILICA.
Al termine, rientro in albergo. Cena e pernottamento.

4° giorno 16 marzo 2016 ROMA MILANO
1a colazione in albergo.
Ore 07.45 Trasferimento in VATICANO e S. MESSA a S. ANNA in Vaticano
Ore 10.30 UDIENZA DEL S. PADRE IN PIAZZA SAN PIETRO.
Ore 14.30 Trasferimento in autopullman all’albergo.
2.a Colazione libera
Ore 16,00 Recupero dei bagagli e trasferimento a piedi alla Staz. TERMINI
Ore 16.45 Partenza con treno veloce ITALO.
Ore 20.03 Arrivo a Milano Staz. ROGOREDO e trasferimento in pullman privato
al piazzale del Santuario.

NOTE IMPORTANTI

ISCRIZIONE In Sacrestia – portare fotocopia di un documento valido
LA SPESA 360,00 € comprende: viaggio, albergo, bevande,
pullman privato a Milano e a Roma, offerte Basiliche, assicurazione.

CAMERA SINGOLA + 25,00 € a persona (ne sono disponibili solo 4 o 5)

ACCONTO 100,00 € all’iscrizione, il saldo entro il 28 Febbraio.
ALBERGO CASA PER FERIE – SACRO CUORE – Salesiani. (100 m. daTermini)
Via Marsala, 42 – ROMA – Tel.06.49272288

Santuario

Avvisi 1 gennaio 2016

22-1

 

1. OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA PACE

Alle ore 15,30 ADORAZIONE EUCARISTICA silenziosa

VESPRI E S. ROSARIO

17,00 S. Messa e Canto VENI CREATOR SPIRITUS

2. MERCOLEDI’ 6 GENNAIO EPIFANIA

Orario delle SS. Messe : 8,30 – 10,00 – 11,30 – 17,00 – 18,30

Ore 11,30 S. Messa , segue pranzo insieme
tra italiani e amici di tutte le nazioni del mondo
occorre iscriversi in sacrestia

3. In fondo alla chiesa sono in vendita dei biscotti fatti dalle Monache del Monastero di S. Rita di Cascia
Potete acquistarli: il ricavato andrà per le necessità dell’alveare di Cascia.

Il pranzo sarà ad offerta libera:

il ricavato verrà inviato per i bambini della Missione Agostiniana

dell’Apurimac