Santuario

Riflessioni sulle 24 ore per il Signore

raffaele
le differenze

Una notte da Dio

Riporto alcuni pensieri sparsi con l’ambizione di trascrivere qualcuna delle sensazioni vissute tra le 4 e le 6 del mattino di sabato 14 marzo, durante l’esposizione del Santissimo Sacramento in occasione della “24 ore per il Signore”.

L’Adorazione Eucaristica è stata uno spartiacque significativo per la mia vita, segnata nel luglio 2009 dall’incontro col Signore davanti ad un ostensorio.

Quella notturna, poi, ha un fascino particolare: l’avevamo già proposta invano in parrocchia tre anni or sono ma, come si suol dire, i tempi del Signore non sono i nostri.

Durante queste 2 ore alla Sua Presenza, ho meditato alcune Parole della Sacra Scrittura, ed in particolare: “…venne Gesù, stette in mezzo e disse a loro: Pace a voi!” (Gv 20, 19)

Il verbo “stare” non evoca dinamicità e pro-attività tipica del milanese, ma altresì un atteggiamento di raccoglimento e di ascolto; purtroppo, quando ci mettiamo lì in silenzio davanti all’Eucarestia, subentra spesso un rumore assordante di pensieri ed emozioni. Ci sentiamo in ansia, costretti, impauriti. Non siamo abituati a guardare così chi ci ama, perché non siamo abituati a questa gratuità oggigiorno.

Eppure Gesù in mezzo a noi lo ritroviamo soprattutto nell’altro, nel povero e nel malato, ma anche nel vicino di casa antipatico o nel capoufficio  che non comprende le nostre reali potenzialità (n.d.r molto autobiografico), perché nell’ostia consacrata sono riflessi i nostri volti! E’ una sensazione che si può provare fisicamente: guardando bene l’ostensorio, nel vetro che protegge la particola si scorgono i volti delle persone che stavano pregando, compreso il tuo!

È impossibile rivolgers a Dio senza guardare all’uomo, noi stessi compresi, e credere che proprio nell’umanità, con tutte le sue fragilità e limiti, si nasconde l’incontro con il Signore!

Siamo lì davanti all’ostensorio per Lui, non soltanto per noi stessi.

Non andiamo davanti a quell’Eucarestia solo a prendere, ma soprattutto a dare.

Gli offriamo un po la nostra spalla, il nostro tempo, il nostro esserci.

Lui accetta da noi tutto: potremmo offrirgli cose belle e preziose come una gioia, un successo per qualcosa, un risultato, un proposito mantenuto, una situazione superata; ma anche gli sforzi che facciamo e la fatica del vivere, e soprattutto gli potremo offrire quel lato di “morte” della nostra vita, fallimenti, sofferenze, peccati, cadute, incoerenze.

E Gesù, nel silenzio delle prime ore del giorno, ci parla, si fa sentire, perché il nostro Dio è vivo, ed è qui, nell’Eucarestia.

Ma c’è  anche il “qui” dei poveri, del prossimo, persino di noi stessi, ma tutti questi “qui” sono vivibili solo se l’Eucarestia funziona dentro la nostra vita, solo se l’Eucarestia ci ha trasformati in eucaristici, in tanti imitatori del Cristo: perché “nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici”.

Raffaele

2 pensieri riguardo “Riflessioni sulle 24 ore per il Signore”

  1. Non ho mai fatto l’Adorazione notturna ma mi sono resa conto lo stesso che, tutte le volte che riesco a far compagnia a Gesù nel tabernacolo anche senza dire una parola oppure recitando il Santo Rosario per tutto il tempo che posso dedicare a Lui, Lui mi illumina, mi fortifica, mi cambia, mi addolcisce. Penso che avvenga una specie di scambio spirituale. Non è così?

    1. Verissimo! Soprattutto nel momento in cui noi offriamo quel che siamo, le nostre gioie e i nostri limiti, ringraziando per i doni ricevuti; ed ecco lo scambio, Lui ci dona la Sua Pace, che ci addolcisce come balsamo sulle ferite. La differenza riguardo Adorazione notturna o diurna è forse nel clima di raccoglimento e di intimità che si crea più facilmente nel primo caso… ma è una mia considerazione personale, Gesù è sempre Gesù ad ogni ora 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...