religione

L’origine del Santuario

Image

L’origine del Santuario di S. Rita di Milano non è legata ad apparizioni o fatti miracolosi, né allo scioglimento di un  voto di pie e facoltose persone, ma al grande desiderio  degli Agostiniani della Provincia Ligure di ritornare a Milano, la culla del loro Ordine.

A Milano S. Agostino ricevette il battesimo dalle mani di s. Ambrogio (387), milanese è il beato Lanfranco Settala († 1264), scelto a governare il nuovo Ordine degli Eremitani di S. Agostino costituito dal Papa Alessandro IV con la riunione delle varie congregazioni che seguivano la regola di S. Agostino (La Grande Unione del 1256). 

 Fin dal 1230 gli Agostiniani possedevano a Milano il convento e la Chiesa  di S. Marco, nel 1445 fondavano il convento e la Chiesa dell’Incoronata e nel 1500 presero possesso della Chiesa della Consolazione.

La soppressione del 1782 li terrà lontani da Milano per quasi due secoli.

La storia del Santuario

Il 17 dicembre 1939 il Beato Alfredo Ildefonso cardinal Schuster, arcivescovo di Milano, benediceva e posava la prima pietra del Santuario S. Rita. Nella primavera 1940 iniziavano “i lavori di costruzione di un’ala del convento, mentre furono gettate le fondamenta del Santuario”.L’anno seguente, in tempo di guerra, fu costituita la prima comunità religiosa agostiniana.

Il primo priore fu p. Angelo Beltramelli.

 Il ritorno degli Agostiniani a Milano, dopo la soppressione del 1782, si deve alla decisa e ferma volontà di p. Umberto Musitelli, Provinciale della Provincia Ligure-Lombarda, formata dai conventi di Pavia, Genova, Savona, Celle Ligure e Loano.

Sperando contro ogni speranza (Rm 4,18), affrontò e superò ogni difficoltà senza perdersi d’animo, fidando unicamente nella Provvidenza divina. Nello stesso periodo ideò il Bollettino S. Rita da Cascia e il suo Santuario di Milano, per attivare i rapporti con i devoti della Santa e raccogliere fondi a favore del Santuario: “una lira per un mattone!”. Suo vivo desiderio era di poter rientrare in possesso di uno  dei tre antichi conventi: S. Marco, l’Incoronata, S. Maria della Consolazione. Le cose però andarono diversamente, come si può vedere dalla storia…

I 70 anni  della duplice ricorrenza e il 50° della parrocchia S. Rita alla Barona, eretta dal card. Montini, poi Paolo VI,  il 21 ottobre 1959 e con l’immissione del primo parroco,  p. Angelo Beltramelli, il I novembre, costituiscono per noi una felice  opportunità per riproporre, rinnovata e aggiornata, la guida storico-artistica di p. Giovanni Marchesotti (Aldo della Riva): in oltre 50 anni di presenza, ha accompagnato e seguito premurosamente, con entusiasmo e passione, i lavori della Chiesa e del Convento, offrendo utili indicazioni e opportuni consigli.   La guida precedente, pubblicata dalle edizioni “Il Resto del Carlino” di Bologna ed esaurita da tempo, fu diffusa con il Bollettino d’aprile del 1968. Nei 40 anni trascorsi altri lavori sono susseguiti, come si può constatare osservando le foto precedenti e le attuali.   Nella prima parte la guida, ferma agli interventi del 1966, rimane nel complesso inalterata, con alcuni semplici e opportuni adattamenti. Le modifiche e i lavori recenti, documentati dal Bollettino, saranno oggetto della seconda parte.

Ai confratelli p. Augusto Cavaliere e p. Giovanni Marchesotti, vissuti a lungo insieme in spirito di fraternità e d’amicizia agostiniana, si devono le rapide note sugli Agostiniani e il profilo biografico di S. Rita.

 Nel dicembre 2007, a dieci giorni di distanza l’uno dall’altro, p. Giovanni a Milano il giorno 20 e p. Augusto a Loano il  30, ci hanno lasciato. Li vogliamo ricordare insieme a coloro che qui sono vissuti e hanno servito il Santuario, dispensando la grazia di Dio e accogliendo con affetto e amicizia i numerosi pellegrini e parrocchiani.    La presente pubblicazione vuole accomunare nel ricordo i confratelli e  quanti a vario titolo – progettisti, artisti, operai, benefattori – hanno cooperato all’edificazione e al decoro del Santuario e del Convento; allo stesso tempo è un omaggio offerto ai frequentatori, giovani ed anziani, del Santuario e ai devoti della grande Santa degli Impossibili.                                                                

                                                

                                                 p.  Giancarlo Ceriotti O.S.A.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...